Medieval II Total War

The Creative Assembly aggiorna la sua incredibile serie di strategici in tempo reale.
Medieval II Total War
PC Sito ufficiale »
VOTO DEGLI UTENTI

Caratteristiche

Medieval II Total War
  • Il gioco non propone sconvolgenti innovazioni rispetto a Rome: Total War, limitandosi a confermarne le meccaniche ed introducendo qualche sparuta novità
  • Mentre la parte gestionale continua ad essere fondamentale per imbastire le politiche gestionali e strategiche della nazione, il gioco vero e proprio si concentra sulle tattiche sul campo di battaglia, ovvero nel momento in cui ci troviamo dinnanzi al vero RTS
  • Confermato il solito esorbitante numero di unità presenti contemporaneamente su schermo, il quale può raggiungere anche la vetta di 10-15 mila
  • Tra le civiltà presenti in questo nuovo Total War annoveriamo francesi, romani, inglesi, per un totale di 20 popoli differenti
  • E' stato rivisto il sistema di animazioni e di generazione dei modelli poligonali dei vari soldati. Questi ultimi, in passato, erano tutti uguali tra di loro, mentre adesso potremo apprezzare delle tangibili differenze che rendono la grafica del gioco ancora più spettacolare
  • Si è lavorato molto anche sulle routine di intelligenza artificiale, con il risultato che il computer è adesso più astuto e pronto a rispondere agli attacchi del giocatore. Tutto ciò accade soprattutto in relazione ad un maggior livello di interazione che il computer applicherà con gli elementi che costituiscono gli scenari di gioco
  • Contiene circa 250 tipologie di unità differenti, ognuna dotata di caratteristiche, equipaggiamento e armamentario proprio, in modo da rendere il tutto il più variegato possibile e più valido dal punto di vista squisitamente strategico
  • Sostanziali modifiche sono state apportate anche al sistema di gestione economica: adesso, infatti, dovremo scegliere un preciso ruolo per ciascuna delle regioni, le quali si potranno specializzare nella crescita sociale o in quella militare. Nel primo caso occorrerà pensare all'accrescimento delle città, nel secondo potremo pure procedere alla costruzione di castelli ed avamposti militari