Ubisoft e gli inconvenienti dei titoli tripla A

Ubisoft e gli inconvenienti dei titoli tripla A

di Davide Spotti, pubblicata il 10 Marzo 2012, alle 11:01

“Alex Hutchinson, creative director di Assassin's Creed 3, ritiene che il concetto stesso di titolo tripla-A possa costituire un serio problema per l'industria.”

Secondo Alex Hutchinson, creative director di Assassin's Creed 3, il concetto stesso di titolo tripla-A e tutto quanto ne consegue in termini di potenza grafica e dimensioni, può rappresenta un serio problema per l'industria stessa.

Nel corso di un'intervento in occasione della Game Developers Conference 2012, intitolato "Realizzare Giochi da Vendere", Hutchinson ha dichiarato di immaginarsi due possibili (e negative) evoluzioni future per l'industria. La prima riguarda una progressione piuttosto "cinica" del media, volta unicamente al conseguimento di profitto e alla realizzazione di denaro.

Per quanto riguarda la seconda prospettiva si parla invece di una "massiccia corsa agli armamenti", nella quale gli studi saranno impegnati nello "spingere sulla fedeltà grafica e lavorare sulle dimensioni crescenti dei titoli".

"Pensiamo a questa spinta come ad un propagarsi tumorale. Credo che tale prospettiva renderà i blockbuster tripla-A come l'ultimo dei dinosauri. Secondo il mio punto di vista i giochi devono avere l'obiettivo di educare le persone, di intrattenerle, o almeno di puntare sulla componente artistica. Se non si investe su questi aspetti... credo proprio che dovremo affrontare momenti difficili".


Commenti (18)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: calabar pubblicato il 10 Marzo 2012, 11:22
Quindi, pone due scenari alternativi:
- cinico fare soldi
- corsa agli armamenti

Se la seconda la considera un cancro, quindi, rimane come ovvia conseguenza che bisogna perseguire la prima

Battute a parte, a mio parere è un ragionamento che non ha molto senso. Devono essere le aziende produttrici di giochi a trovare l'equilibrio tra "mastodonticità" del titolo, tempi di uscita e costi.
Se sapranno creare titoli di qualità ed equilibrati venderanno, altrimenti avranno sbagliato strategia di sviluppo.
Commento # 2 di: gildo88 pubblicato il 10 Marzo 2012, 11:31
Certo che queste parole dette da uno dei creatori di Ac, che praticamente è sempre la stessa solfa ogni anno (perchè ormai è ha cadenze annuali come Cod, Fifa e Pes), e che mantiene sempre la stessa grafica e gli stessi contenuti, fanno veramente ridere...
Come al solito Ubisoft è fonte illimitata di barzellette, e idioti di turno con le loro stupide dichiarazioni.
Commento # 3 di: ThePonz pubblicato il 10 Marzo 2012, 12:09
La prima riguarda una progressione piuttosto "cinica" del media, volta unicamente al conseguimento di profitto e alla realizzazione di denaro.
e cosa ci sarebbe di diverso da quello che accade già ora abitualmente?
Per quanto riguarda la seconda prospettiva si parla invece di una "massiccia corsa agli armamenti", nella quale gli studi saranno impegnati nello "spingere sulla fedeltà grafica e lavorare sulle dimensioni crescenti dei titoli".
non vedo come questa prospettiva debba essere considerata per forza negativa..
ah, ho capito! alle sh toccherà sganciare più grano per aggiornarsi e stare al passo coi tempi, non potranno più riciclare a raffica dalle produzioni precedenti..

eh già, che avvenire oscuro
Commento # 4 di: Alekos Panagulis pubblicato il 10 Marzo 2012, 12:21
Originariamente inviato da: gildo88
Certo che queste parole dette da uno dei creatori di Ac, che praticamente è sempre la stessa solfa ogni anno (perchè ormai è ha cadenze annuali come Cod, Fifa e Pes), e che mantiene sempre la stessa grafica e gli stessi contenuti, fanno veramente ridere...
Come al solito Ubisoft è fonte illimitata di barzellette, e idioti di turno con le loro stupide dichiarazioni.


Straquoto. Sono i più disonesti, subdoli e meschini. Spero falliscano.
Commento # 5 di: elevul pubblicato il 10 Marzo 2012, 12:49
Concordo con chi spera che falliscano.
Dopo lo scherzetto del loro DRM always online hanno perso qualsiasi stima o rispetto avessi di loro.

Non importa che titoli rilasciano, da me non avranno un centesimo.
Commento # 6 di: ulukaii pubblicato il 10 Marzo 2012, 13:08
Ma si ascolta quando parla oppure i discorsi glieli scrive qualcuno?

Cos'è una giustificazione sul fatto che il prossimo AC non debba necessariamente essere decente a livello grafico oppure vasto in dimensioni altrimenti ci sarà una "progressione piuttosto cinica del media, volta unicamente al conseguimento di profitto e alla realizzazione di denaro"... perché far uscire un titolo dello stesso brand all'anno non è pensare al profitto sfruttando il traino dei fan?
Oppure una "massiccia corsa agli armamenti" per impegnarsi nello "spingere sulla fedeltà grafica e lavorare sulle dimensioni crescenti dei titoli", come se già adesso non esistessero titoli solo grafica e zero contenuti?

Poi l'ultimo punto "Secondo il mio punto di vista i giochi devono avere l'obiettivo di educare le persone..." quale titolo di punta Ubisoft mira sull'educare le persone? AC? Far Cry 2? Splinter Cell? Driver?

La più bella riflessione che potrebbero fare alla Ubi è come evitare di trasformare in spazzatura ogni brand che gli capita nelle mani.
Commento # 7 di: tbs pubblicato il 10 Marzo 2012, 13:53
La questione è molto più semplice: dato che è ormai quasi certo che il mercato si evolverà (oppure il suo contrario ) verso il mercato tablet e smartphone, i publisher stanno semplicemente mettendo le mani avanti; e lui lo sta facendo notare.
Commento # 8 di: Paggio.Saccente pubblicato il 10 Marzo 2012, 15:02
Per quanto riguarda la seconda prospettiva si parla invece di una "massiccia corsa agli armamenti", nella quale gli studi saranno impegnati nello "spingere sulla fedeltà grafica e lavorare sulle dimensioni crescenti dei titoli".


Come no, aspetta che arrivi la prossima generazione di consolle e vedrai che corsa. La maratona sarà una passeggiata de salute...
Prima chiedono più potenza e poi se ne lamentano. Mah...
Commento # 9 di: beuna pubblicato il 10 Marzo 2012, 15:47
Originariamente inviato da: Alekos Panagulis
Straquoto. Sono i più disonesti, subdoli e meschini. Spero falliscano.


EA potrebbe prendersela, credo ci tenga ad essere lei la peggiore
Commento # 10 di: AleK pubblicato il 10 Marzo 2012, 17:06
Originariamente inviato da: beuna
EA potrebbe prendersela, credo ci tenga ad essere lei la peggiore




Sul discorso di coerenza credo che ci troviamo tutti d'accordo. Appare evidente che quì si predica bene ma si razzola male. Se è da loro che dovrebbe venir l'esempio siamo proprio destinati ad un futuro tetro.
Sembra che ci sia nell'aria un virus di demenza contagiosa analizzando le dichiarazioni di alcuni "pensatori" d'azienda. Spero incontrino un vaccino a breve. Non vorrei infettassero tutti i potenziali clienti.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »