Xbox One vs PlayStation 4: l'inizio di una nuova console war

Xbox One vs PlayStation 4: l'inizio di una nuova console war (PS4, Xbox One)

di Rosario Grasso , pubblicato il

“Quando siamo ormai in procinto di partire per Los Angeles per l'edizione dell'E3 di quest'anno, facciamo il punto della situazione su quello che si sa sulle nuove console. Intanto il primo game di una lunghissima partita al meglio di cinque set si è giocato in occasione dei Reveal Event delle due console. Chi lo ha vinto?”

Sicuramente Sony. PlayStation 4 è in questo momento avanti rispetto a Xbox One. E non è tanto una questione di specifiche hardware, anche se sono sicuramente importanti e hanno già fatto sprecare litri e litri di inchiostro. C'è chi dice che PlayStation 4 sia prestazionalmente superiore, perlomeno sulla carta, e chi ribadisce che, alla fine dei giochi, conterà il livello di ottimizzazione di ciascun titolo e la bravura degli studio autori di videogiochi.

Xbox One

In termini di GPU, entrambe le console sono basate sull'architettura Radeon GCN, che dovrebbe smaltire 768 operazioni per ciclo di clock nel caso di Xbox One. Questa GPU è infatti dotata di 12 unità di calcolo ognuna in grado di gestire 64 operazioni per ciclo di clock. Nel caso di PlayStation 4, invece, la GPU è in configurazione a 18 unità di calcolo, e questo dovrebbe permettere di ottenere il 50% in più di potenza di elaborazione: si torna così a parlare dei fatidici 1,2 TFLOP di Xbox One contro i 1.84 TFLOPS di PS4, che hanno già alimentato un'enorme mole di commenti.

Ma Xbox One non sarà sicuramente uno "scatolotto" privo di significato anzi, stando agli annunci del Reveal Event, si tratta di un sistema in grado di superare molti dei PC che si trovano nelle case degli utenti oggi. Microsoft ha parlato di processore a 8 core con architettura a 64 bit, di 8 GB di RAM e di 5 miliardi di transistor sulla scheda madre di Xbox One.

La GPU di entrambe le soluzioni deriva da una soluzione sperimentata da AMD e conosciuta con il nome in codice di Bonaire. AMD lavora da tempo su questa soluzione (abbiamo recentemente appreso che l'accordo tra Microsoft e AMD a proposito del processore di Xbox One ha un valore di 3 miliardi di dollari) e ha successivamente deciso di sfruttare gli sforzi in termini di ricerca e sviluppo proprio sul progetto Bonaire, che si affianca a Tahiti, Pitcairn e Capo Verde. Il tutto confluisce nella Radeon 7790, che presenta 896 Stream Processor e può usufruire di GDDR5 da 6 GHz.

La Radeon 7790 è venduta a circa € 100, e quindi non è la soluzione più competitiva in assoluto nel mondo PC. Si tratta di una soluzione che entra in competizione diretta con GeForce 650 Ti. Quindi, come sanno gli utenti più esperti, non si tratta di hardware che consentono di giocare al massimo dettaglio e a 60 fps ai vari Battlefield 3, Crysis 3 o Metro Last Light. Se Xbox One verrà commercializzata a 4/500 €, insomma, vorrà dire che Microsoft ha deciso di spendere più su altre componenti piuttosto che sulla GPU.

Radeon 7790 comunque non è perfettamente simile alla GPU che i gamer ritroveranno all'interno di Xbox One, perché il modo di gestire la memoria è diverso. Ma, e torniamo al confronto con PlayStation 4, quello che preoccupa di più è riassumibile nel raffronto tra Stream Processor: 768, come abbiamo visto, nel caso di Xbox One, contro i 1152 di cui può vantare Sony con PS4. Microsoft, inoltre, non ha ancora annunciato la frequenza alla quale opera la sua APU, mentre Sony ha parlato di 800 MHz. Il processo di costruzione a 28 nanometri, teoricamente, consente a Microsoft di fare progressi su questo versante, e magari cercare di colmare il gap. Staremo a vedere...

Quanto alla CPU, le due console sono basate sulla famosa architettura Jaguar, che avremo anche nei due SoC per PC Kabini e Temash. Ma la CPU delle due console non avrà prestazioni allineate a questi ultimi, che operano rispettivamente a 2 e 1,5 GHz, quanto ai processori Pentium dual core che si trovano in alcuni notebook particolarmente economici.

Jaguar è compatibile con le istruzioni SSE 4.2 e con le AVX di Intel, ma presenta prestazioni inferiori sia rispetto a Trinity che a Ivy Bridge. Microsoft e Sony hanno scelto questa CPU soprattutto per via dei suoi ridotti consumi, visto che i due moduli di Jaguar presenti nelle due console consumeranno circa 35 W. Jaguar presenta quattro core nella sua configurazione più performante, ma Xbox One e PlayStation 4 useranno due moduli contemporaneamente. I core nelle due console appariranno in forma "leggera", e non saranno invece in configurazione Bulldozer a 3-4 GHz e 100 Watt come in Trinity.

Il controller memoria di PS4, di tipo GDDR5, dovrebbe garantire un ulteriore vantaggio su Xbox One in termini di prestazioni. Entrambe le console saranno dotate di 8 GB di RAM, ma nel caso della console Sony avremo una bandwidth massima teorica di 176 GB/s, di circa tre volte superiore alla bandwidth che sembra poter garantire Xbox One, ovvero di 68 GB/s. Per contenere i problemi che potrebbero sorgere per via della limitata bandwidth, Microsoft ha deciso di aggiungere 32 MB di eSRAM, con bandwidth di 102GB/s, sul die del processore.

Dei motori di spostamento dati si occuperanno di smistare il più velocemente possibile le informazioni tra le varie componenti, in modo da alleviare i possibili colli di bottiglia. Sony quindi ha deciso di utilizzare lo spazio sul die per inserire più unità di calcolo, mentre Microsoft ha preferito ricorrere alla soluzione della memoria di buffer. Questo potrebbe comportare un'inferiorità nelle performance per la soluzione Microsoft, inferiorità che inizialmente sembrava contenuta perché si pensava che la nuova PlayStation fosse dotata di soli 4 GB di memoria di sistema. Invece, poi Sony ha annunciato 8 GB di DDR5 per la sua nuova console.

Le due configurazioni, quindi, riportano più a notebook vagamente competitivi sul piano videoludico che potenti PC super-performanti con configurazioni ottimizzate per i videogiochi. I lettori più attenti avranno seguito la polemica a distanza tra Electronic Arts ed Epic Games, nella figura di Mark Rein, quando i tecnici della prima avevano definito le architetture di queste console un passo avanti rispetto ai PC moderni. Dichiarazioni che Rein ha definito con la parola "stronzate".

PlayStation 4

Quel che è vero è che questi hardware verranno presi come riferimento unico dagli sviluppatori di videogiochi, che cercheranno di spremerli fino all'ultimo bit disponibile, come è successo con le console di attuale generazione. E su Xbox 360 e PlayStation 3, come sanno i giocatori, abbiamo dei titoli con una grafica "pazzesca", se si rapporta la qualità con ciò che gli hardware delle due console old-gen mettono a disposizione.

Ma, come dicevamo, non è solamente un confronto tra specifiche. I due Reveal Event hanno decretato la parziale vittoria di Sony. Sappiamo molto di più su PlayStation 4, grazie a un evento di due ore in cui Sony ha parlato diffusamente di cloud, di caratteristiche tecniche e di potenzialità, mostrando lunghe sequenze di gameplay, altamente coinvolgenti. Abbiamo un'idea chiara di cosa possa essere Killzone Shadowfall, di InFamous Second Son e di DriveClub.

Microsoft invece ha trascurato completamente il gameplay: sappiamo di Forza Motorsport 5, di Quantum Break e di Call of Duty Ghosts, ma cosa dobbiamo aspettarci nel concreto da questi giochi è un mistero. Microsoft ha organizzato un evento di presentazione di un'ora, in cui la maggior parte del tempo è stata dedicata al nuovo Call of Duty, ovvero quanto di più associabile, nelle teste dei giocatori, alla vecchia generazione. Ci saranno cani più intelligenti e nuove animazioni per i pesci nel nuovo Cod, ma queste cose hanno veramente a che fare con la nexy-gen? Oltretutto gli annunci a proposito del nuovo shooter Infinity Ward hanno provocato un'ondata di ilarità sulla rete, con un impressionante diffondersi di contenuti ironici sui quali è meglio sorvolare...

Insomma, se questa è la next-gen c'è veramente da preoccuparsi. Quel che preme soprattutto al sottoscritto è la qualità dei prossimi videogiochi, e il loro livello di innovazione. Personalmente non mi interessa su quale piattaforma giocare, l'unica cosa che conta è avere titoli di qualità. E se l'industria dei videogiochi è legata a doppio filo con queste console, che ormai sono diventate il punto di riferimento nello sviluppo, è fondamentale che Microsoft e Sony facciano delle cose intelligenti, perché altrimenti si rischia di mettere la parola "fine" sui videogiochi così come oggi li conosciamo. Vogliamo essere trascinati all'interno di universi paralleli, e vogliamo goderceli fino in fondo, e per questo abbiamo bisogno di hardware validi e di proposte concrete.

È anche per questo che sono rimasto deluso dall'assenza di Unreal Engine 4, sia dall'uno che dall'altro evento. Evidentemente ci saranno dei motivi, perché la nuova tecnologia Epic, per quanto è stato mostrato finora, non può non far parte della nuova generazione. Le dichiarazioni di Mark Rein potrebbero far pensare a un maggiore coinvolgimento di Epic sul PC a scapito delle console per questa generazione, ma bisogna aspettare dettagli più concreti prima di giudicare. Quale sarà il primo gioco a sfruttare Unreal Engine 4? Abbiamo bisogno urgentemente di una risposta a questa domanda, e non ditemi Fortnite...

In tutto questo si innesta anche il discorso DRM. L'industria dei videogiochi vuole garantirsi maggiori vendite, combattendo la pirateria e limitando il mercato dell'usato. Lo straordinario diffondersi di vendite di seconda mano in questa generazione ha portato a uno strapotere di GameStop, e di altri retailer affini, in alcuni casi a discapito addirittura di Microsoft, Sony e Nintendo.

I produttori di console non vogliono permettere che questo accada ancora, e hanno un fortissimo alleato nella loro battaglia, le case editrici di videogiochi. E allora diventa una questione primariamente politica, in cui bisognerà scendere a compromessi, trovare accordi ed equilibri. Si è detto di tutto e di più sul presunto DRM sui giochi usati di Xbox One, ma ancora Microsoft non ha chiarito in maniera definitiva. Quel che è certo, di nuovo, è che le due console dovranno per forza di cose avere politiche simili su questo aspetto.

Di punti critici ne abbiamo ancora tantissimi: gestione della retrocompatibilità, sfruttamento dei sensori di movimento, DRM visuali, prezzi dei giochi e delle console. Insomma, troppi. E non è possibile che Microsoft abbia lasciato tutti questi aspetti al loro destino. Sony ha presentato la sua console con quattro mesi di anticipo rispetto al punto cardine del 2013 videoludico, ovvero l'E3, mentre Microsoft lo ha anticipato solamente di un mese. Ha dato proprio l'impressione di avere fatto tutto in fretta e furia per "pareggiare" il conto con Sony, piuttosto che per offrire delle certezze valide alla sua fanbase.

Dunque, personalmente, mi aspetto una resurrezione di Microsoft al prossimo E3, con un pre-show in cui finalmente si possano vedere Unreal Engine 4, Battlefield 4, Ignite Engine per Fifa, e giochi veramente tecnologici e veramente di nuova generazione. La situazione, insomma, carica l'E3 di tantissime attese, e c'è già chi lo ha definito "l'E3 più importante di sempre".

Quindi, ancora qualche giorno e finalmente conosceremo quale sarà il destino del mondo dei videogiochi.


Commenti (36)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Defragg pubblicato il 03 Giugno 2013, 16:22
Aspettiamo e vediamo, l'E3 sarà uno spartiacque decisivo
Commento # 2 di: dobermann77 pubblicato il 03 Giugno 2013, 16:32
La console war meno entusiasmante della storia :-)
Finira' pari, zero a zero.
Commento # 3 di: dobermann77 pubblicato il 03 Giugno 2013, 16:44
Impossibile ignorare nella console war
la futura disponibilita' di KINECT 2.0 per PC.
Commento # 4 di: Grey 7 pubblicato il 03 Giugno 2013, 17:29
ormai credo che i tempi delle console war come le intendevamo una volta stiano finendo. L'hardware è piu o meno quello e cosi anche la resa grafica. Entrambe hanno un sistema di controllo ben collaudato ed entrambe dispongono di sistemi innovativi di controllo vedi kinect\move Ora come ora personalmente deciderei l'acquisto dell'una o dell'altra console solo in base alle esclusive. E questo mi spinge sempre a voler acquistare una Sony, cosa che poi puntualmente non faccio perchè a parte quei pochi giochi la lascerei sul mobile a prender polvere
Commento # 5 di: indJekd pubblicato il 03 Giugno 2013, 17:53
Originariamente inviato da: dobermann77
Impossibile ignorare nella console war
la futura disponibilita' di KINECT 2.0 per PC.


rotfl
Commento # 6 di: gildo88 pubblicato il 03 Giugno 2013, 18:08
La cosa positiva, spero che sia che, con l'uscita di queste console dall'architettura cosi simile ad un pc, finalmente ci sarà più cura, nella realizzazione delle controparti pc dei vari titoli.
Ci sarà senza dubbio una spinta tecnologica, che porterà ad engine più evoluti, ma mi auguro che il gameplay si evolva di pari passo alla grafica, perchè onestamente la generazione videoludica di xbox360 e ps3, ha portato ad una mortificazione generale del gameplay ed ad un copia incolla forsennato, sterile e privo di idee.
Commento # 7 di: ceralacca pubblicato il 03 Giugno 2013, 18:11
per me possono restare nello scaffale entrambe , PC 4 ever
Commento # 8 di: PsychoWood pubblicato il 03 Giugno 2013, 18:44
Ma soprattutto, con la Radeon 77900 non ce n'è per nessuno
Commento # 9 di: Jon_Snow pubblicato il 03 Giugno 2013, 19:18
Nella passata generazione il paragone in termini di TFLOP non aveva molto senso perché erano due macchine totalmente diverse sotto tutti i punti di vista. Inizialmente si era sparsa la voce della migliore potenza della PS3 per via del suo Cell, ma a conti fatti è stata solo una operazione di marketing e possiamo tranquillamente dire che le due console in applicazioni reali si equivalgono.

X1 e PS4 dal punto di vista architetturale sono praticamente identiche. Di conseguenza la potenza in meno dovuta al minor numero di shader della XBOX ed alla RAM più lenta non capisco proprio dove la possono andare a prendere. È anche vero che il panorama odierno è molto diverso da 7 anni fa. I motori multipiatta si sono evoluti quindi è possibile che le differenze, proprio perché sono hardware simili, potrebbero non essere così spinte. Credo sia tutto da vedere. Difficile fare ipotesi plausibili ora.
Commento # 10 di: LaToX pubblicato il 03 Giugno 2013, 19:22
Io chiedo troppo di avere una console da salotto che non mi si rompa ogni 3 mesi, che non faccia il casino di un forno a micronde con il grill e che legga gli mkv o sia aggiornabile ai nuovi formati audio-video dei prossimi anni? Penso questo sia più utile di passare da un gioco a un film in un batter d'occhio..se sto giocando a gears che faccio, passo 10 minuti a guardarmi lo hobbit e poi ripasso a gears...ma dai..
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »