Sheep Up: l'Italia del mobile gaming

Sheep Up: l'Italia del mobile gaming (iOS, Android)

di Rosario Grasso , pubblicato il

“Nel corso della settimana è diventato disponibile su App Store Sheep Up!, un gioco completamente italiano che offre un gameplay immediato incorniciato in una struttura piacevole e rilassante. Abbiamo intervistato Gianluca Chimentin, 3D Artist di Sheep Up!”

Il mondo di una pecora giocattolo

L'emergere del fenomeno del mobile gaming ha indotto molte startup a tentare l'avventura. L'obiettivo è sempre quello: ripetere il successo di certi titoli immediati, che sono in grado di catturare le attenzioni della gente con meccaniche di gioco semplici, che consentono di giocare anche distrattamente e quando non si è fra le mura domestiche. Bad Seed Entertainment con Sheep Up! ci prova con un gioco estremamente semplice in cui bisogna far rimbalzare una pecora gommosa e paffutella su delle scatole di cartone, con l'obiettivo di raggiungere la fine del livello di gioco.

Bad Seed Entertainment è una piccola start-up formata da alcuni giovani programmatori, come ci spiegherà nel dettaglio Gianluca Chimentin, che si è occupato della grafica 3D del gioco, nell'intervista che vi proponiamo nella pagina successiva. Sheep Up è stato lanciato su App Store nella giornata di martedì, e ha un costo di 79 centesimi. Bad Seed sta ultimando anche i lavori sulla versione Android, che sarà disponibile a breve.

Le possibilità di successo che consente il mondo del mobile gaming sono alla portata di un grande numero di sviluppatori. Serve fiducia e ambizione, come ci spiegherà Gianluca nella pagina successiva, ma quel che è certo è che ormai sia Apple che Google mettono a disposizione degli strumenti che possono evidenziare la genialità e la creatività degli sviluppatori più coraggiosi. Lo è stata Bad Seed, anche perché il suo gioco si rivela assolutamente godibile, oltre che tendenzialmente assuefacente.

Insieme a Gianluca, la grafica di Sheep Up! è stata sviluppata da Alessia Marra per la parte 3D e da Erika Signini per le componenti 2D, mentre Black Pearl Sound si è occupata della parte di sound design.

Come dicevamo, sfruttando il giroscopio del dispostivo portatile bisogna fare in modo che la pecora rimbalzi nella maniera opportuna sulle scatole di cartone. Il giocatore può stabilire il punto del rimbalzo, perché inclinando il dispositivo si può influire sul volo della pecora e spostarla di conseguenza all'interno del livello di gioco.

In realtà si tratta di una piccola pecora giocattolo rinchiusa in uno scatolone insieme ad altri vecchi giocattoli. Il giocatore la deve aiutare a fuggire da ogni scatolone, mentre gli altri giocattoli non sempre le saranno d'aiuto, anzi molto spesso si tramuteranno in ostacoli. Matite appuntite, voragini e pezzi di cartone instabili sono, infatti, i principali avversari della paffuta pecora.

Proprio la presenza di un così alto numero di elementi volti a complicare le cose al giocatore, rende il gameplay di Sheeup Up! interessante perché vario. Ogni livello di gioco (in totale sono 20) presenta sfide differenti e meccaniche di gioco proprie che spingono il giocatore a interagire in maniera sempre originale. Ad esempio potrà esserci richiesto di comporre una certa melodia musicale: delle note appaiono sui pezzi di cartone, mentre all'inizio del livello ci viene data la sequenza da comporre. Bisogna, quindi, balzare sulle note nella sequenza giusta per far apparire la chiave che apre l'unica via di fuga della scatola.

Ma ci sono anche matite appuntite sulle quali non bisogna saltare, e altri giocattoli più o meno cattivi. In quest'ultimo caso, invece, bisogna saltare su di essi per metterli fuori combattimento ed evitare di perdere una vita. Uno dei giocattoli più simpatici ha due occhi che vanno schiacciati singolarmente: bisogna quindi saltare due volte su questa "bestia".

Ogni livello di gioco presenta una serie di scatole in sequenza, disposte in senso longitudinale, e il giocatore ha a disposizione tre vite. Se le esaurisce prima di finire la serie di scatole, dovrà ricominciare la sequenza dall'inizio. Il tutto incorniciato da "una colonna sonora che crea dipendenza", secondo quanto ha scritto Bad Seed sulla sua pagina su App Store. In effetti, la colonna sonora si costituisce di un motivetto che vi entrerà nelle orecchie e che ben presto inizierete a fischiettare. Complimenti a Bad Seed per questa melodia!

Sheep Up! si fa, dunque, notare per la varietà nel gameplay, per la musica e per la grafica colorata e simpatica. Il controllo tramite giroscopio è preciso mentre si rivela interessante la possibilità di modificare i livelli di gioco, visto che alcuni pezzi di cartone cedono dopo il passaggio della pecora giocattolo.

Se dobbiamo parlare di elementi più critici invece bisogna fare riferimento a caricamenti un po' troppo lunghi e a una certa brevità complessiva: 20 livelli di gioco sono forse pochi, ma se il gioco avrà successo siamo sicuri che altri arriveranno presto!